+39.328.0435903 gc@giovannicuniberti.it

Perché ci si sente poveri?

19 Ott 2020 | Social Networks

Keith sentì di essere povero quando era in quarta elementare.
Accadde all’improvviso mentre compiva il gesto quotidiano di ritirare il vassoio del pranzo alla mensa della scuola.

“Ricordo che quel giorno c’era una nuova cassiera. Ero in coda, quando sono arrivato alla cassa con il vassoio lei mi ha guardato e poi mi ha chiesto… credo fosse… un dollaro e venticinque. Era la prima volta che qualcuno mi chiedeva di pagare il pranzo, io lo avevo sempre avuto gratis. Ero sbalordito, non sapevo che fare e ovviamente con me non avevo soldi.”

Keith non si era mai reso conto che molti dei suoi compagni di scuola pagavano il pasto ogni giorno. Non tutti: alcuni si altri no. E quelli che non pagavano il pasto erano i bambini più poveri. Lui quindi era uno di loro: un povero.
——-
Questa storia è contenuta nel libro The broken ladder.
L’autore è il protagonista della storia Keith Payne, oggi psicologo e docente universitario, che affronta un tema sociale molto attuale: la psicologia della disuguaglianza.

Non ho ancora letto il libro, ma vi invito ad ascoltare la puntata del bellissimo Hidden Brain, il podcast di Shankar Vedantam dal titolo: Why Nobody Feels Rich: The Psychology Of Inequality, nel quale Keith Payne e Shankar Vedantam affrontano in maniera schietta e appassionata il tema del sentirsi poveri, del raffronto sociale e di come si possa gestire la percezione soggettiva di disuguaglianza nella vita quotidiana.

Keith Payne, lo scorso Febbraio, ha anche tenuto un interessante TED Talk sul tema della psicologia della disuguaglianza e della relazione con le divisioni politiche.

Giovanni Cuniberti

Giovanni Cuniberti

Consulente finanziario fee only, Esperto di mercati e Docente a contratto dell'Università di Torino

Il mio obiettivo è aiutare le persone ad avere maggiore consapevolezza dei propri investimenti.
Mi impegno per la diffusione di una cultura finanziaria utile alla serenità delle famiglie e affianco i miei clienti nelle decisioni di investimento a protezione e difesa dei loro patrimoni.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *