+39.328.0435903 gc@giovannicuniberti.it

Quali indici guardare per capire il mercato azionario?

3 Lug 2019 | Social Networks

Ieri un amico mi ha chiesto: “per capire come va il mercato azionario quali indici devo guardare?”.
Domanda pertinente per chi si sente subissato da numeri, grafici e statistiche spesso incomprensibili ai più. Gli indici più significativi sono 5. Ecco la risposta che gli dato.

Il re degli indici azionari è lo Standard & Poor 500, che è stato realizzato dall’omonima società nel 1957 e segue l’andamento di un paniere azionario formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione.
Fanno parte del paniere le azioni di grandi aziende contrattate al New York Stock Exchange (NYSE), all’American Stock Exchange (AMEX) e al NASDAQ.

Il secondo indice è il MSCI World è un indice di mercato azionario di 1612 titoli di livello globale. L’indice include una raccolta di titoli azionari di tutti i mercati dei paesi sviluppati nel mondo come definito dall’MSCI.
L’indice comprende i titoli di 23 paesi, esclusi i titoli provenienti da economie di frontiera o emergenti. Il terzo indice, correlato al precedente, è lo MSCI All Country World Index (ACWI), che include sia paesi sviluppati sia quelli emergenti.

In Europa l’indice principe è lo STOXX600 che racchiude le principali 600 azioni europee anche in valuta non euro.

Infine, l’indice cinese, CSI 300 è stato introdotto nell’Aprile 2005. È costituito dalle 300 azioni di tipo A a maggior capitalizzazione, quotate sulle Borse di Shanghai e Shenzhen.

Questi indici non rappresentato il mercato obbligazionario, che ne ha di altrettanto importanti, ma ne parleremo un’altra volta.

Giovanni Cuniberti

Giovanni Cuniberti

Consulente finanziario fee only, Esperto di mercati e Docente a contratto dell'Università di Torino

Il mio obiettivo è aiutare le persone ad avere maggiore consapevolezza dei propri investimenti. Mi impegno per la diffusione di una cultura finanziaria utile alla serenità delle famiglie e affianco i miei clienti nelle decisioni di investimento a protezione e difesa dei loro patrimoni.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *